Cancellare un tatuaggio? Ora si può

Quante persone dopo essersi fatte fare un tatuaggio si sono amaramente pentite del gesto? Finora non era possibile riparare al danno fatto. Si poteva solamente intervenire con la chirurgia laser: ma bisognava fare ben 10 sedute prima di veder sparire l’immagine dalla propria pelle. E non sempre i risultati erano dei migliori. Fino ad oggi bisognava rassegnarsi a convivere con quel disegno prima tanto desiderato, poi tanto odiato. Fino ad oggi, appunto. Dagli Stati Uniti, infatti, è arrivato il primo inchiostro per tatuaggi cancellabile. Si tratta di un speciale inchiostro, già utilizzato in cosmetici, medicinali e alimenti dalla Food and Drug Administration. A differenza dei tradizionali inchiostri, questo rilascia dei pigmenti facilmente cancellabili con un singolo trattamento laser.

L’idea di utilizzare questo inchiostro anche per la body art è venuta alla compagnia Freedom2 di Filadelfia. Martin Schmieg, presidente della ha spiegato, sulla rivista “NewScientist“, che fino ad oggi questo inchiostro non poteva essere utilizzato sulla pelle umana, perché facilmente assorbibile. Ora, però, ne è stato messo a punto uno appositamente per questo utilizzo. Il prodotto sarà messo in vendita sul mercato americano a partire dal prossimo anno. Addio nomi e disegni scomodi sulla pelle: il ripensamento ora è possibile.

Leave a Reply